Transumanza dei Colantuono, comincia il viaggio nel tempo. Domani la partenza delle mandrie.

Nicola Di Niro/ maggio 23, 2017/ Uncategorized/ 0 comments


Si riparte. Un anno dopo. Come da secoli in primavera, per lavoro e tradizione, con la famiglia Colantuono di Frosolone. L’unico esempio di transumanza di tipo orizzontale ancora attivo in Italia è in rampa di lancio. Domani pomeriggio, mercoledì 24 maggio 2017, da San Marco in Lamis, in provincia di Foggia, in località Foresta, l’esercito di mandriani (una ventina) e bovini (circa trecento) abbraccerà i tratturi per rivivere il lungo viaggio di 180 chilometri quasi tutti molisani, che attraversa il territorio di tre province – Foggia, Campobasso, Isernia – con soste notturne a San Paolo Civitate, Santa Croce di Magliano, Ripalimosani e gran finale sabato 27 maggio ad Acquevive di Frosolone.

Da una masseria all’altra, un percorso nel tempo, per leggere e vivere il paesaggio, placido e rassicurante. L’Alto Tavoliere, poi lo sconfinamento in Molise, l’ascesa dolce verso Santa Croce di Magliano, le colline, i campi di grano, i bivacchi attorno al fuoco, e poi il Biferno, la sua storia, le mucche che affrontano l’acqua fredda all’alba dell’ultimo giorno, fino alla salita più sentita, quella che da Catropignano e Torella del Sannio, dove il tratturo è una vera autostrada verde, arriva a Frosolone: la transumanza dei Colantuono offrirà un’incredibile varietà di emozioni a chi vorrà seguirne un piccolo tratto, a piedi, in bici o a cavallo. E anche a chi vorrà sostenerla partecipando al crowdfunding indetto per la sua salvaguardia, cliccando al link https://www.produzionidalbasso.com/project/transumaggio-2017/

E’ un viaggio del cuore, ma anche del corpo e pure dello spirito visto che sul cammino sono disseminate tante chiese, grandi e importanti come Santa Maria della Strada, a Matrice, o il Santuario delle Quercigliole a Ripalimosani e piccole cappelle e chiesette come quella della Madonna del Ponte, sulle rive del Fortore, dove la carovana sosterà mercoledì notte in arrivo da San Marco in Lamis.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*
*